Zehn kleine gutestunde 10

10 piccoli contenuti notevoli curati, letti, ascoltati, visti o, un po’, commentati

Renzi, lo sciopero degli studenti, il processo contro la ‘Ndrangheta, le parole di Joseph Capriati e i consigli: Djarah Kan, Tiny Desk con Dua Lipa, Cachemire e Super economy.
  1. Renzi ha attirato di nuovo l’attenzione su di sè. Ha fatto partire una crisi di governo facendo dimettere le ministre Bellanova, alle politiche agricole, e Bonetti, alle pari opportunità e alla famiglia. Renzi è polarizzante: o con lui e contro Conte oppure contro di lui e con Conte. In questo articolo di Michael Braun c’è un’analisi, parziale, della visione renziana. Un passaggio molto importante è: “Qual è la bussola di Conte che ha governato prima con la Lega e poi con il Pd senza soluzione di continuità?”. Si dovrebbe parlare – e una parte delle critiche di Renzi sono su questo punto – di obiettivi, di visioni, di idee e, ancora meglio, di ideologie. Si fugge dalla parola ideologia da qualche tempo, come se fosse un problema avere dei valori di base fondanti che guidano le azioni politiche.
  2. Si è tornati a parlare – e Renzi ha questa grande capacità di resuscitare discorsi sopiti e ritrovare personaggi dimenticati – di ponte sullo stretto da inserire nel Piano nazionale di ripartenza e resilienza, praticamente il documento che riassume i progetti del Next Generation EU (già Recovery Fund). A me, quando si parla di ponte sullo stretto, viene in mente solo questo contributo dell’ingegner Cane.
  3. A quanto pare, Renzi ci sta un po’ ripensando a tornare nel governo. Conte no.
  4. “Checchè se ne dica”: ho visto studenti parlare in megafoni, striscioni, manifestazioni, come non ne vedevo da tempo e che mi ricordano i miei anni liceali. Le studentesse e gli studenti hanno protestato, anzi, scioperato perchè chiedono di tornare a scuola in sicurezza, perchè si chiedono perchè tanti altri luoghi sono aperti e le scuole no, soprattutto a seguito delle tarantelle tra ministra Azzolina e presidenti di regione. A Milano alcuni studenti si sono fatti tamponare e hanno occupato un liceo, mentre in Emilia-Romagna il TAR ha sospeso la decisione di Bonaccini di prorogare la chiusura delle scuole (quindi si torna a scuola) ed è interessante un passaggio: “nel provvedimento regionale non vi è riferimento a dati o indici specificatamente e univocamente attinenti al settore della scuola secondaria di secondo grado”.
  5. Il 13 gennaio è cominciato il più grande processo contro le mafie degli ultimi 30 anni e, evidentemente, se ne parla poco. In particolare, è un processo contro la ‘ndrangheta e questo pezzo del Guardian riassume bene molti aspetti interessanti: 900 testimoni, più di 350 imputati, un’aula di tribunale da 1000 posti appositamente costruita a Lamezia Terme.
  6. “Perdono mio padre per il folle gesto e prego tanto per lui. Ora penso a guarire”. Sono le parole più forti, commoventi, dolorose e piene di speranza di Joseph Cariati, dj e artista della scena techno, a me sconosciuto fino a qualche giorno fa. E ora è in ospedale, dopo essere stato accoltellato dal padre.
  7. Persona da seguire: Djarah Kan, scrittrice e attivista culturale Italò- ghanese. Nera del Sud.
  8. Ho scoperto, insieme con milioni di altre persone, Tiny Desk (Home) Concert e ho ascoltato e visto più volte questa incantevole performance di Dua Lipa.
  9. Altro consiglio da ascoltare: Cachemire, un podcast morbido di Edoardo Ferrario e Luca Ravenna, due stand-up comedian.
  10. A grande ed esplicita richiesta, un altro consiglio musicale – che già stare quasi accanto a Dua Lipa mi pare fantastico – è questa canzone: Super economy di g.em, cantante e polistrumentista tra Cesena e il mondo, dal pianoforte al busking. Super economy è triste al punto giusto. Che pure le altre canzoni non sono mica male.

Altro (parola della settimana): lustro. Metto lustro, perchè c’entra con un’altra sezione di questo sito, che ho ripreso dopo un lustro e che spero dia lustro a questo spazio.

Un abbraccio placebo,
Danilo
ZKG#10

Immagine di copertina: cosa fanno i postini di notte? Dormono, come tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...