Usiamolo in modo intelligente

Lo teniamo sempre in mano, lo tocchiamo, lo accarezziamo, lo sfioriamo con le dita, gli parliamo.
E lo usiamo per tante altre cose: leggere, scrivere, guardare. Chi non ha uno smartphone, ormai, è fuori dal mondo. Gli smartphone non sono strumenti del demonio, sono fermamente convinto che il problema non è (quasi) mai nell’oggetto, ma nell’uso che ne facciamo. In questi giorni, a Cesena si tiene il Festival della Salute Digitale, per mettere in luce l’influenza delle nuove tecnologie sullo sviluppo psico-fisico dei bambini. In questi anni gli strumenti tecnologici sono entrati prepotentemente nella vita quotidiana di tutti e ancora non sappiamo come i nostri sistemi cognitivi ne siano influenzati e, soprattutto, come il cervello in fase di sviluppo può risentire di un uso frequente degli aggeggi in questione.
Anche noi un po’ più grandi, però, siamo molto attaccatti ai nostri dispositivi e possiamo usare il nostro smartphone in modo più efficace e anche più altruista e, soprattutto, un po’ di consapevolezza in più fa sempre bene.

Sapere quanto usiamo lo smartphone

Ci sono delle applicazioni che possono aiutarci a capire in che modo usiamo i nostri smartphone. Ad esempio, fino a poco tempo fa usavo Checky, che ogni giorno alle 12.00, mi indicava con una notifica quante volte avevo attivato lo schermo il giorno precedente. Il record più basso credo sia stato 50, il più alto forse 150. Quando dissi a una persona un po’ più grande di me che toccavo il telefono almeno 50 volte al giorno è rimasto un po’ sbalordito. E se io arrivo a 50, figuriamoci un adolescente.

Adesso, invece, uso un’altra applicazione, QualityTime che, oltre a indicarmi quante volte attivo lo schermo, fornisce molte più informazioni sull’uso delle applicazioni con percentuali giornaliere e settimanali e conta il tempo di attivazione dello schermo (oggi sono a un’ora e 24 minuti). Inoltre, con QualityTime si possono impostare degli orari di Scheduled Break, in altre parole degli orari in cui possiamo bloccare notifiche e chiamate.

Applicazioni per piccole buone azioni

Oltre a capire un po’ meglio il nostro utilizzo degli smartphone – la consapevolezza è devastante a volte – possiamo fare piccoli favori all’umanità.
Ad esempio, vi propongo due motori di ricerca, Ecosia e Lilo. Funzionano entrambi più o meno allo stesso modo: quando si effettua una ricerca nel browser, i primi risultati sono annunci pubblicitari e i ricavi sono destinati a dei progetti di utilità sociale o ambientale. Inoltre, questi motori di ricerca si possono impostare anche nel browser desktop o possiamo mettere il widget sul nostro telefono.
Sul sito di Ecosia si sostiene di destinare l’80% degli introiti pubblicitari alla riforestazione in Sud America, Africa e Indonesia.
Lilo, invece, permette di scegliere a quale progetto destinare gli introiti. Ad esempio, ci sono: Made in carcere, Animal Equality Italia, WWF, ecc. (qui tutti i progetti collegati a Lilo). Adesso sto sostenendo Made in Carcere, progetto che già conoscevo e che ritengo molto interessante, soprattutto nel contesto italiano.
Così, quando facciamo le nostre ricerche, possiamo fare delle piccole buone azioni, senza nessuno sforzo, né economico né di tempo.

Ogni tanto fa bene fermarsi un attimo, rallentare, leggere un libro o semplicemente non fare nulla. Abbiamo sempre la sensazione di dover fare qualcosa, abbiamo questa necessità di stimolazione costante. Non è colpa degli smartphone, siamo a noi a essere padroni del nostro tempo e del modo in cui trascorriamo le nostre giornate. Quindi, almeno, prendiamo coscienza di quanto usiamo lo smartphone e, almeno, proviamo a contribuire a migliorare questo mondo.

Ci salutiamo, come capita a volte, con una canzone.

With love,

Danilo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...