Gufi e allodole: interazioni sociali

I nostri ritmi di sonno-veglia (ritmi circadiani) influenzano la nostra vita per molti aspetti, tra cui il benessere psicofisico. Tutti impariamo a conoscere i nostri ritmi, i momenti in cui siamo più efficienti e riusciamo a lavorare meglio. Alcuni preferiscono alzarsi dal letto più tardi e andare, poi, a dormire in nottata. Altri, invece, preferiscono svegliarsi presto e, inevitabilmente, andare a dormire prima. Questi sono i due cronotipi, gli estremi di questa categorizzazione: da un lato ci sono i gufi – che vivono di notte – e dall’altro ci sono le allodole – che si alzano all’alba e sono subito operative. Come in ogni categorizzazione, la maggioranza delle persone si trova in un punto nel mezzo, a volte più tendente ai gufi, altre alle allodole. I cronotipi, però, ci aiutano a capire e studiare meglio il comportamento degli individui, poiché si è visto che le due categorie hanno caratteristiche specifiche.

Un team di studiosi finlandesi e danesi ha analizzato le differenze della rete sociale nei cronotipi. Potete trovare l’articolo integrale QUI. L’articolo è stato pubblicato a settembre 2017.

Il procedimento è stato lineare: a quasi mille studenti sono stati consegnati degli smarphone con un’applicazione che monitorava le ore di utilizzo, le chiamate e i messaggi. Sono stati individuati due fasce orarie per i due cronotipi: l’utilizzo dalle 5 alle 7 del mattino era tipico delle allodole, l’utilizzo da mezzanotte alle 2 era tipico dei gufi. I dati sono stati osservati tramite la raffigurazione di un rete sociale, dove ogni punto rappresenta un individuo e ci sono i vari legami, con diverse frequenze. Ciò permette di osservare quanto una persona interagisce con un’altra e con quante persone diverse.

La prima evidenza è che i gufi hanno una rete sociale più grande rispetto alle allodole, anche se con contatti meno frequenti per ogni membro. Inoltre, sono più centrali, cioé comunicano con molte persone e ricevono molti contatti.

Alcuni aspetti interessanti sono emersi osservando i contatti intracategoriali, cioé i contatti gufi-gufi e i contatti allodole-allodole. I gufi interagiscono tra di loro molto di più rispetto a quanto è prevedibile casualmente. Pertanto, i gufi parlano maggiormente con i loro “simili”. Questa caratteristica, invece, non si evince dalle interazioni delle allodole. Una possibile spiegazione potrebbe essere che gli eventi di aggregazione sociale sono organizzati prevalentemente di sera, tempo di maggiore attività dei gufi e tempo quasi di sonno per le allodole. Possiamo anche immaginare un gufo super attivo alle 10 di sera che prova a interagire con un’allodola: comunicazione pessima. Quindi, un gufo avrà molta più soddisfazione a parlare con un altro gufo.

Questo è solo un piccolo studio sui cronotipi, ma già c’erano state evidenze di come attegiamenti differenti rispetto al ciclo sonno-veglia possano avere un’influenza, ad esempio, su performance lavorative, indice di massa corporeo e salute mentale e fisica. La conoscenza più approfondita dei cronotipi può aiutare a capire meglio le differenze individuali e a trovare strumenti adeguati per perseguire un maggiore benessere psicofisico.

E voi in che team siete? Gufi o allodole?

Come da tradizione (è l’Immacolata, molti fanno l’albero, io pubblico sul blog), vi saluto con una canzone. Scelta quasi obbligata, I Gufi –  Era Natale. I Gufi erano un gruppo musicale milanese attivo negli anni ’60. Proponevano una canzone popolare, riprendendo anche vecchi testi e melodie, una canzone fatta di satira, di ironia, alcuni pezzi molto dissacranti, alcune oggi le metteremmo nella categoria black humour (come, ad esempio, Si può morire). Io li ho conosciuti grazie a Morgan, ormai artisticamente desaparecido, poiché aveva inserito una loro traccia nel suo album Italian Songbook Vol. 1, fonte di nuove conoscenze sulla musica italiana del passato.

With love,

Danilo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...